Centroedile garantisce ad imprese, professionisti e privati la soluzione più adeguata ad ogni loro esigenza per la creazione della casa, dalla costruzione fino alla realizzazione delle finiture interne. Offre la scelta migliore in termini di estetica, efficacia, costo e funzionalità: perché non serve tanta scelta, ma la scelta giusta!

Le imprese e i professionisti dell’edilizia trovano da Centroedile:

  • assistenza per la stesura di preventivi e capitolati per le forniture di materiali e attrezzature edili
  • velocità nelle consegne, anche presso i cantieri con mezzi specializzati
  • recupero e trasporto delle macerie edili con mezzi autorizzati e secondo le norme previste dalla legge
  • ampia scelta di materiali e attrezzature edili delle migliori marche e al miglior rapporto qualità/prezzo
  • corsi di formazione e aggiornamento su nuove tecniche di costruzione o proposte aggiornate di prodotti innovativi e sistemi costruttivi ecologici.

I clienti privati possono rivolgersi a Centroedile per soddisfare tutte le esigenze di costruzione, ristrutturazione, finitura della casa. Una forza vendita esperta, qualificata e cortese segue il cliente in ogni step dell’acquisto:

  • consigliando il prodotto più adatto alla specifica necessità
  • garantendo un’offerta al prezzo migliore sul mercato e sempre di alta qualità
  • proponendo i nuovi prodotti delle migliori marche  con soluzioni costruttive e architettoniche innovative.

 

RECUPERA E TRASPORTA LE TUE MACERIE CON IL SERVIZIO TUTTO INCLUSO DI CENTROEDILE SERVIZI!NUOVO_VolantinoA4

Con Centroedile Servizi hai 4 punti di raccolta (o messa in riserva) delle macerie, regolarmente autorizzati presso la Provincia di Competenza, dove poter conferire le macerie in modo semplice, veloce e nel rispetto delle norme vigenti, in tutta sicurezza per te e la tua azienda.

Vieni a trovarci presso i punti vendita di Via Novara e Porta Genova a Milano, presso il punto vendita di Agrate (MB) e di Albese con Cassano (CO).

La gestione delle macerie.

Le macerie fanno parte del lavoro quotidiano per chi opera nel settore dell’edilizia.

La loro gestione e il loro smaltimento va fatto nel rispetto delle leggi e delle normative vigenti per non incorrere in problemi e sanzioni che possono interessare sia l’impresa che i soggetti coinvolti.

Smaltimento: TUTTI RESPONSABILI!

Lo smaltimento va effettuato secondo precise regole, definite dal D.Lgs. 152/06 “Testo Unico Ambientale”, che interessano tutte le fasi del processo (raccolta e trasporto, messa in riserva, trattamento e recupero).

La documentazione che accompagna le macerie attraverso questi passaggi certifica il rispetto delle norme in ogni momento.

Il mancato rispetto delle regole, in una qualunque delle fasi, fa sì che tutti i soggetti coinvolti vengano ritenuti responsabili e conseguentemente sanzionabili.

La filiera delle macerie.

1- Raccolta e trasporto. La raccolta e trasporto delle macerie deve avvenire solo con mezzi regolarmente iscritti all’Albo Gestori Ambientali e il trasporto deve essere accompagnato dal formulario di identificazione rifiuti.

Le macerie trasportate senza formulario, senza autorizzazione o con veicolo non iscritto non possono essere accettate.

2- Messa in riserva. Il centro che prende in stoccaggio le macerie deve essere autorizzato e iscritto al Registro Recuperatori della provincia di competenza.

All’atto di ritiro delle macerie viene rilasciata copia del formulario di identificazione timbrato e firmato e con il peso verificato a destino. Tale documento libera il cliente da ogni responsabilità successiva in merito alla gestione del rifiuto.

La messa in riserva viene effettuata nel rispetto dei limiti quantitativi e temporali previsti dall’atto di autorizzazione.

3- Trattamento. Le macerie, dopo la messa in riserva, vengono affidate a imprese specializzate per il recupero.

Il recupero delle macerie avviene medianti fasi interconnesse di vagliatura, frantumazione e selezione e attestato da specifiche analisi di laboratorio previste dalla normativa vigente.

4-Recupero nell’ambiente. Le macerie recuperate conformi agli standard qualitativiprevisti dalla Circolare del Ministero dell’Ambiente n° 5205/2005 e alle norme EN UNI 13242:2008, diventano materie prime secondarie per l’edilizia e riutilizzate per la realizzazione di rilevati, sottofondi stradali, piazzali industriali, riempimenti o recuperi ambientali.